Archivio di dicembre 2006

Il pacchetto della felicità che ho mandato

giovedì, 14 dicembre 2006

Ce l’abbiamo fatta! Non è stato facile. Nonostante il paccocelere3, il pacchetto ci ha messo diversi giorni ad arrivare. Lo monitoravo mattina e sera. A un certo punto ho letto che era stato consegnato e ho gettato via la ricevuta dell’ufficio postale (ah! a Roma si dice “la prescia!”). Poi con il passare dei giorni, non avendo avuto notizie, ho ricontrollato (per fortuna ricordando a memoria il codice!) e ho letto che l’indirizzo era errato. Aaahhhhh che coccolone che mi è preso! Ma per fortuna stasera Tiziana mi ha scritto per dirmi che lo aveva ricevuto e già in parte consumato :)
Il pacchetto della felicità che ho inviato a Tiziana
Ecco qui cosa scrive Tiziana:

Finalmente è arrivato!!
grazie Consy, è STU-PEN-DO !!!
ormai ero triste e rassegnata, sono 5 giorni che io e il pacco ci inseguiamo, ha girato tutto il Friuli Venezia Giulia, poi oggi, poco prima di chiudere l’ufficio mel’hanno portato.
L’ho aperto direttamente in ufficio, con la speranza che non arrivasse nessuno (ero alla reception…) . appena aperto mi ha avvolto un profumo di …….di Natale! spezie, caldo, tisana di fronte al camino, per chi ha il camino, tisana davanti alla signora fletcher per me…..poi è arricato un altro cliente e l’ho chiuso lì…….
Il torrone non ho fatto in tempo a vederlo intero perchè mio marito l’ha addentato prima che riuscissi a strapparglielo dalle mani…..e poi le spezie dall’orto della Concy! alloro, rosmarino, peperoncino e rosmarino dell’orto, non ho ancora aperto le buste, ma immagino il profumo….. e il guanciale BBBBBONO!

devo confessare che….anch’io sono di roma! montesacro per la precisione, sono qui in friuli per amore solo per amore, non immagini quindi la gioia nel vedere inscatolata un po’ di romanità anche qui nel freddo di udine!

stasera ho già deciso cosa farò per cena…..:o))))

un abbraccione e grazie ancora

Buon Natale!

Tiziana

I calzini

giovedì, 14 dicembre 2006

Typesetter mi ha regalato dei calzini stu-pen-di fatti con le sue manine sante:
I calzini
Io ho approfittato della sua presenza per rispolverare le mie doti all’uncinetto e coi ferri, doti acquisite alle elementari grazie a delle maestre veramente eccezionali, e potenziate “grazie” a una varicella collettiva che costrinse a casa me, mia zia, mio padre e mio fratello (che scatenò l’epidemia).
Quindi vi comunico che con questo post inauguriamo una categoria nuova, hobby vari, poiché con la supervisione di Type ho iniziato a fare:
- una sciarpa semplicissima con della lana stupenda che mi ha donato;
- un cappellino natalizio per Leonardo.
Seguiranno foto, ovviamente!

Bisogna muoversi per tempo!

giovedì, 14 dicembre 2006

Sera. Interno casa.
Squilla il telefono.
Rispondo io: è S., che vuole parlare con mio marito.
Mentre attraverso casa per portare il cordless al marito, gli chiedo “che fate a capodanno?”.
Il marito ascolta e mi cazzia: “ma che glie lo chiedi ora???”.
No, dico: non posso mica aspettare il 30 per chiedere agli amici se vogliono passare il capodanno assieme a noi! Non posso rischiare che mi rispondano che si sono già organizzati per conto loro!
Questo marito mio, per tanti versi perfetto e organizzatissimo, per -pochi- altri è un po’ una frana :)

Ci si distrae un attimo…

mercoledì, 13 dicembre 2006

Zafferano in fiore
… e bulbi di crocus sativus, quelli dello zafferano, dal loro involucro di plastica forata, vicini alla finestra in attesa di trapianto, non solo germogliano, ma fioriscono pure! Sono davvero vergognosamente pigra in questo mese di dicembre.

Lo Sfigatto di quartiere

martedì, 12 dicembre 2006

Esiste al mondo un gatto capace di scatenare più tenerezza di questo qua?!
Lo Sfigatto di quartiere

Ross

lunedì, 11 dicembre 2006

È decisamente fotogenico
Ross / 8Ross / 7Ross / 6Ross / 5

Una vita di sacrifici

giovedì, 7 dicembre 2006

Tra pochissime ore Typesetter sarà qui e inizieremo questo week-end lungo andando a cena da Candido; poi è previsto -in ordine sparso- un cotechino da giustiziare, una puntata a Vetralla per l’olio nuovo, un giro da Castroni, un sacco di lebkuchen da fare, giri in centro (di Roma e di Anguillara), gatti da fotografare, un pacchetto della felicità da onorare.
Forse riusciremo anche a dormire e riposare.
La Type non lo sa ancora, ma cercherò di trascinarla in un negozio dove mi dovrà consy-gliare sull’acquisto di un ferro circolare.
Una vita di sacrifici insomma. Scusateci se non saremo molto presenti sui rispettivi blog :)

Il pacchetto della felicità

giovedì, 7 dicembre 2006

Ieri ero in ufficio quando ho ricevuto un sms del consorte che diceva “è arrivato un pacco da Bari, da parte di una certa Paola, te lo porto quando ti vengo a prendere?”.
Rapida riflessione: cedo alla curiosità e sventro il pacco in macchina mentre corriamo a cena da ND e famiglia? Mi trattengo e apro il pacco quando rientro, così lo fotografo per benino? Si vede che sto invecchiando, perché ho deciso per la seconda soluzione :)

E così a mezzanotte passata, dopo aver sfamato i 5 famelici felini che giustamente reclamavano, armata di forbici ho provveduto ad aprire il voluminoso pacco:
Il pacchetto della felicità
All’interno una meravigliosa pentola di coccio. Paola come hai fatto??? Stavo giusto meditando di comprarne una di quella misura!!! Nella lunga lettera mi ha spiegato per filo e per segno come farle il trattamento: lo farò prestissimo perché voglio subito iniziare a cucinarci.
Poi una serie di prelibatezze pugliesi che incontrano totalmente e appassionatamente i nostri gusti:
- taralli: penso evaporeranno in poco tempo, semplicemente li adoriamo;
- pomodori secchi: li amiamo in tutte le salse, li metterò sottolio con l’origano dell’orto e l’aglio di Voghiera;
- orecchiette, ma non di misura standard, sono più piccole e un collega mi ha detto che si chiamano “recchietelle”; fantastiche, le cucineremo per domani a pranzo;
- cicerchie: anche qui penso che ci sia telepatia, perché le cicerchie sono un legume che ho provato una sola volta, mi sono piaciute tantissimo, e non ho più trovato in giro; siccome un cotechino enorme sta per arrivare a casa nostra, potrei tentare un accostamento ardito con le cicerchie! vado in ipersalivazione al solo pensiero;
- last but not least, la ricotta forte (o “scuanta”): non l’ho mai assaggiata, ma mi bastano i commenti entusiastici di amici pugliesi quando mi raccontano che si sposa meravigliosamente sulle orecchiette con il ragu di braciole. Ecco ormai la fame ha raggiunto livelli insopportabili, lo stomaco brontola, e inizio a pensare di aver fatto male a tornare in ufficio, lasciando quel bendidio a casa con il maritino… :)

L’iniziativa dei pacchetti della felicità di Fiordizucca ha raggiunto il suo scopo: sono stata felicissima di mettere un pezzo di me nel pacchetto che ho spedito (e che oggi è in consegna, lo sto monitorando ogni ora!), e felicissima nel ricevere qualcosa da una persona -finora- sconosciuta. Grazie, Fiore!

Torta di mele con pochi grassi

giovedì, 7 dicembre 2006

L’ennesima ricetta di torta di mele. Nella mia cartella di ricette ho perso il conto delle versioni di torte di mele, tutte fantastiche, tutte diverse, da provare, rifare tante e tante volte. La torta di mele non stanca mai!
L’ennesima ricetta me la passa Keba.
Sbuccio e taglio a fettine non troppo sottili un 600g di mele (renette, golden, un misto, è uguale). Le lascio in meditazione in una ciotola, con succo di limone, un bicchierino di rum, spolverata di cannella, 1 cucchiaino di zucchero.
A parte sbatto 3 uova con 150g di zucchero, aggiungo 150ml di  latte, 225g di farina, mezza bustina di lievito per dolci.
Incorporo le mele così come sono, con tutto il liquidino di ammollo, mescolo bene e verso in una tortiera di circa 24cm di diametro, imburrata e infarinata.
Cuocio in forno già caldo a circa 175 gradi (elettrico non ventilato), per una oretta buona. Le indicazioni di cottura sono sempre dipendenti dal tipo di forno, pertanto è sempre bene fare il solito controllo-stuzzicadenti.
Fantastica, con pochi grassi, dolce il giusto. Credo che diventerà un must della nostra colazione!!

Cipolle al forno di Staximo

mercoledì, 6 dicembre 2006

Sono FAN-TA-STI-CHE.
La ricetta la trovate qui, inutile che la trascrivo no???
Io ho abbondato con l’alloro dell’orticello, ci sta così bene!!!